lunedì 6 gennaio 2014

LA LISTA DEL PIACERE

ovvero cosa fare quando mancano 4h e 10 minuti al trillo della sveglia.

In attesa di partire per il mio viaggio mistico come Lise di Mangia, Prega, Ama, che mi permetterà di non bestemmiare più in situazioni come questa, io stilo una lista delle cose che mi piace fare*:
  1. camminare, mi aiuta a scaricare le tensioni
  2. andare a spasso con Tetta (per chi non lo sapesse è la mia bicicletta, e sortisce lo stesso effetto di cui al punto 1)
  3. scrivere (dall' agenda che ho in borsa alla lista della spesa, l' amore per le parole non lo si può contenere ^.^ )
  4. mangiare dolci, specie se appartenenti alla categoria "cioccolatosi"
  5. vestirmi con colori sgargianti (non a tutto c' è un perché)
  6. andare a comprare dei girasoli
  7. sporcarmi le mani con la terra, facendo finta di aver ereditato dai miei genitori il pollice verde
  8. bere una tisana sul divano
  9. cercare il significato delle parole che non conosco
  10. cospargermi di crema dopo la doccia (ogni allusione al pan di Spagna è puramente casuale)
  11. [sentir] parlare lingue diverse
  12. stancarmi dopo l' attività fisica (dubito che sia una passione questa, ma la inserisco ugualmente qui, come si dice 'chi più ne ha, più ne metta')
  13. laccarmi le unghie di rosso
  14. mangiare in compagnia
  15. fare una passeggiata al mare (possibilmente da sola e con sottofondo di CD strappalacrime se anche a voi, come me, la sindrome premestruale dura 20giorni al mese)
  16. vedere un film al cinema (ho scoperto quanto può esse liberatoria l' esperienza di andarci da sola, se non fosse altro che si riesce a evitare i classici commenti da post-film quando tu vorresti solo essere lasciata alla tua tristezza mentre ti stai chiedendo come sia stato possibile per te far fuori quell'enorme secchiello di pop corn che adesso tieni fra le mani. Vuoto. Così come vuoti sono i pensieri che ti accostano a quel bel moro sexy con le spalle larghe quanto tutto lo schermo della sala mentre ti ritrovi a dire che no, non pensavi affatto che il protagonista fosse troppo melenso, anzi tu hai SEMPRE desiderato un uomo così)
  17. programmare i milamila viaggi che farò nella mia vita
  18. sfogliare giornali di arredamento d' interni (non c'è bisogno che mi facciate notare che non ho ancora una casa tutta mia, prrrrrrrrrrrrr....)
  19. truccarmi, ma anche essere acqua e sapone (scusate se la mia dualità esce da tutti i pori)
  20. farmi fare un massaggio ai piedi (feticisti in pensione e/o massaggiatori precari fatevi avanti)
  21. preparare una valigia (sono diventata un' espertissima di quelle da compagnia low-cost)
  22. chiacchierare (qualcuno aveva dubbi?)
  23. prendere il caffè al bar
  24. scrivere lettere a mano e imbucarle dopo aver attaccato su un francobollo (adoro il mio essere antiquata, che posso farci?)
  25. impacchettare regali di ogni specie
  26. FARE regali di ogni specie, cioè spremermi le meningi per carpire i gusti del/la festeggiato/a di turno
  27. cantare a squarciagola mentre sto guidando in macchina (se vi capita di incontrarmi farò finta di non vedervi, tranquilli)
  28. ascoltare il rumore della pioggia
  29. fare yoga
  30. ricevere coccole (...ecco, anche questa non sapevo se inserirla tra le cose che amo)
  31. fare le bolle di sapone
  32. osservare qualcosa di verde (lo so, i daltonici mi staranno odiando in questo momento, ma mi sono resa conto che è un' attività alquante rilassante per me)
  33. ascoltare il canto degli uccellini, durante una passeggiata, sempre nel verde
  34. osservare le foglie autunnali appena cadute dagli alberi (sempre nel verde credo di poterlo anche omettere questa volta)
  35. imparare a memoria termini puramente medico-sanitari
  36. guardare negli occhi la gente
  37. osservare i denti delle persone quando sorridono (amo le dentature perfette, ma anche quelle imperfette, quindi non forzatevi di esser seri la prossima volta che mi incontrerete)
  38. [far finta di] imparare a cucire qualcosa con la Signora Singer, ultimo regalo serio di mamma e papà
  39. raccogliere conchiglie in spiaggia d' inverno
  40. ammirare ambienti grandi e rigorosamente bianchi
  41. andare in libreria e perdermi fra gli scaffali, per non ritrovarmi mai più
  42. sognare a occhi aperti...

Ecco, se come me non siete arrivati neanche al punto 10 non fatevi assalire dall' ansia: anch' io ho rischiato di addormentarmi nel rileggerli (tranquilli, ma un controllo ortografico era d' obbligo da parte mia, non volevo essere masochista a tutti i costi).
La conclusione a cui voglio arrivare però è questa: stilate anche voi la vostra
Lista del Piacere, vi tornerà utile quando, come è successo oggi a me, dovrete inventarvi qualcosa in attesa che Morfeo torni dalla sua serata in discoteca. Se non siete stati attenti ho utilizzato il punto 3 per arrivare fino a qui, e per chi se lo stesse chiedendo, sì, la gente seria va a lavorare anche il giorno della Befana.

Un bacio e una giravolta... Smak!

                            
            *Un grazie speciale a Mimma, lei sa che grossa mano mi sta dando.



                                

        


Nessun commento:

Posta un commento